La luna che risplende inonda di luce
le vette che scintillano lassù.

La nenia che cantiamo sull'ali del sogno lontano
porta i cuori e fa sognar.

Sognar lontani dì l'antica libertà
del tempo che già fu del tempo che sarà...

Lontano ci risponde lo scroscio del fiume
che scorre tra le rocce con fragor,
sotto un manto di stelle la fiamma s'innalza
guizzando verso il cielo fin che muor.

Ma mai non può morir, non morirà mai più
la fiamma che ravviva la nostra gioventù...

... non morirà mai più.